Perché i botti di Capodanno sono un pericolo per la salute dei nostri animali?

Come ogni anno si avvicina la ricorrenza del Capodanno: tutti noi padroni di animali domestici, soprattutto di cani – particolarmente sensibili ai rumori forti e improvvisi – temiamo questa festa perché consapevoli di quanto sia traumatica e carica di stress per i loro amici a 4 zampe.

Ogni anno infatti sono tantissimi gli animali che si feriscono anche gravemente, o che addirittura muoiono a causa dei botti della notte di San Silvestro.
Gli episodi sono svariati: cani che per lo spavento si lanciano dal balcone o che scappano dai recinti diventando vittime di incidenti stradali, uccelli selvatici che muoiono in volo, per non parlare dei numerosi casi di malori e infarti con cui a Capodanno i veterinari devono fare i conti in pronto soccorso… Si stima che ogni anno in Italia almeno 5.000 animali muoiano a causa dei botti di fine anno.

Come aiutare i nostri Pet a superare la notte di San Silvestro?

Per quanto riguarda gli animali domestici, esistono diversi accorgimenti che possiamo mettere in atto per aiutare i nostri amici a 4 zampe a superare più facilmente questi momenti di forte tensione.

In queste ricorrenze sarà innanzitutto importantissimo non lasciarli da soli in casa, piuttosto la nostra compagnia sarà fondamentale per aiutarli ad alleviare la sensazione di ansia che i nostri animali stanno vivendo. Il segreto è non sgridarli ma neanche coccolarli troppo.

…non coccolateli a ogni rumore e non guardateli negli occhi: continuate a fare quello che stavate facendo, senza dare peso al rumore. Consentite loro di starvi vicino, ma non continuate a vezzeggiarli. Coccolare esageratamente il cane o gatto se dimostra un comportamento di disagio, non fa che dargli conferma che si sta comportando nel modo giusto.

L’obiettivo è quello di distrarli facendoli divertire, in modo che in futuro associno al rumore dei botti esperienze positive.

Un altro ottimo espediente per attutire l’effetto dei botti potrà essere creare una distrazione uditiva come quella generata dalla televisione accesa o dalla radio.

Ricordiamoci sempre di non lasciarli all’aperto o sul balcone, perché il panico generato dai botti potrebbe indurli a ferirsi nel tentativo di scappare. Legarli alla catena, oltre che essere vietato in alcune regioni, è sconsigliato, in quanto è altissimo il rischio di strozzamento in caso di tentativo di fuga. Sarà dunque importante creare una situazione in casa in cui il nostro animale possa muoversi liberamente, auspicabilmente il più lontano possibile dai rumori esterni e con facile accesso alle ciotole dell’acqua e del cibo. È comprovato che, in casi di così forte ansia, creare un ambiente confortevole e famigliare e con oggetti legati alla vita di tutti i giorni, possa dare sollievo all’animale in preda al panico.

Per ogni altra esigenza particolare del nostro Pet o in casi di gravi patologie cardiache e scompensi, consultate sempre il vostro veterinario di fiducia: sicuramente potrà darvi suggerimenti precisi e specifici per il vostro caso.

Lo staff della Clinica Veterinaria Modena Sud.
Condividi:
logo Clinica Veterinaria Modena Sud